Materasso Arcobaleno, il mio nuovo amico

Il mio lavoro mi costringe a viaggiare spesso e cambiare materasso per me è una vera tortura, perchè soffrivo di dolori alla dolori alla schiena. Quante mattine mi sono svegliata con crampi e fastidiosi dolori! Ma il mio ultimo viaggio è stato diverso. Ero ospite a casa di un’amica, dove ho dormito sonni sereni e, soprattutto, ho avuto risvegli senza dolori!

Arcobaleno Plus Fresh 4 strati di benessere

Piacevolmente sorpresa da tutto ciò ho domandato alla mia amica qualr fosse il materasso su cui ho riposato così serenamente e lei mi ha risposto che si trattava del modello arcobaleno Plus Freshdel
marchio Baldiflex. Appena tornata a casa ho subito provveduto ad acquistarlo, dopo essermi informato su internet , dovevo di nuovo provare quella sensazione di benessere! Come avevo previsto,appena ho iniziato ad utilizzarlo, ho subito avvertito benefici. I miei risvegli sono più sereni e il mal di schiena non mi accompagna più durante la giornata.Questo perché il materasso Arcobaleno plus fresh è un prodotto unico.Una delle sue caratteristiche principali è la presenza di quattro strati, per uno spessore totale di 23 cm, che permettono al materasso di distribuire il peso uniformemente, garantendoci un riposo comodo. 

I Benefici del memory e del water foam in un nico prodotto

Oltre a riposare comodamente, da quando dormo sul mio materasso Arcobaleno Plus Fresh la mattina non mi sveglio più con quei fastidiosi dolori alla schiena e i muscoli contratti. Questo perché Arcobaleno Plus Fresh, grazie al suo strato superiore in memory, si adatta perfettamente alla forma del nostro corpo, creando un giaciglio su cui possiamo dormire serenemente senza assumere posizioni scomode che causerebbero fastidi alla colonna vertebrale. Alle ai benefici del memory foam si aggiungono quelli apportati  dalle lastre in water foam che svolgno un’ottima funzione di supporto della colonna e permettono al materasso di mantenere costante la temperatura sia d’estate che d’inverno, regalandoci un sonno gradevole. Finalmente, grazie alle qualità che contraddistinguono l’Arcobaleno plus fresh dagli altri materassi, il mal di schiena è solo un ricordo del passato!

Conclusioni

Il mio ultimo viaggiodi lavoro è stato piacevole, soprattutto per la scoperta del materasso Arcobaleno Plus Fresh.

Acquistarlo è stato sicuramente un toccasana per la mia salute perché, non solo dormo sonni più sereni, ma ho potuto dire definitivamente addio ai crampi mattutini e al mal di schiena. Tutto questo influisce positivamente sulla mia vita perché riesco ad affrontare gli impegni quotidiani con meno stress e più energie. Non avrei potuto fare acquisto migliore, sono assolutamente soddisfatta.

Altro shopping… La carta di credito ringrazia…

Eccomi qui, ieri ho continuato sulla scia del giorno precedente le giornate dedicate allo shopping.

L’altro giorno preso dalla pedana vibrante, mi ero completamente scordato di altre cose importanti che avevo deciso di comprare e che  costantemente ogni giorno rimandavo.

Quasi tutto il tempo all’interno del supermercato è trascorso tra gli scaffali di prodotti per la cura del corpo, in particolare tra gli asciugacapelli. Il mio dopo tanto tempo aveva deciso di abbandonarmi all’improvviso.

Non è stato facile districarsi tra tutti i modelli, ognuno con colori e caratteristiche differenti… Alla fine, dopo aver consumato vari siti di recensioni ho preso la mia decisione, ho acquistato il Parlux 385 Powerlight. Un ‘ottimo phon professionale dalla caratteristiche molto interessanti. Dopo averlo provato posso confermare la bontà del prodotto.

Comunque , per terminare la giornata di shopping ho comprato anche un nuovo rasoio elettrico, anche in questo caso, la scelta non è stata affatto facile. Menomale è arrivato internet con la miriade di siti ed informazioni ad aiutare… 😀

Alla fine, dopo tutte queste spese “pazze” una bella pizza con gli amici e la giornata si è conclusa.

Mi sono fatto un regalo!

Oggi, finalmente, dopo tanto tempo mi sono fatto un bellissimo regalo.
Ma andiamo per gradi, ho trascorso la giornata seduto alla mia scrivania, con un gran mal di testa e senso di spossatezza. Come se mi stesse per venire la febbre. Probabilmente era solamente un po’ di stanchezza, visto che faccio le ore piccole quasi tutte le sere.

Finalmente è arrivata l’ora di andare in palestra e man mano che mi esercitavo la stanchezza è andata diminuendo insieme al mal di testa. Proprio ijn palestra ho scoperto la pedana vibrante!

Veramente un oggetto interessante che può essere utilizzato comodamente anche a casa, per questo motivo, appena terminato l’allenamento , mi sono messo a cercare informaizioni sui vari siti web sportivi riguardo le pedane vibranti. Un modello molto consigliato è la pedana vibrante Skandika 600, fortuna ha voluto che il supermercato dove vado di solito a fare la spesa l’avesse disponibile, non c’ho pensato due volte! L’ho vista e l’ho comprata, mi sento molto soddisfatto del mio acquisto!

Epilatore elettrico: cos’è e come si usa

Ceretta, rasoio, laser: con l’arrivo della bella stagione, la depilazione diventa un’esigenza di molte donne. Tra i metodi che si possono scegliere per assolvere alla necessità ci sono gli epilatori per parti intime.

Vediamo insieme le sue caratteristiche, come si usa e come sceglierlo.

Che cos’è

È uno strumento elettrico che, a batterie o con filo alla presa di corrente, mette in moto un nastro di pinzette che passate sulla pelle afferrano i peli e li strappano dalla radice.

È costituito da un corpo motore, cioè la parte alimentata elettricamente che innesca il movimento, e la testina. La testina può essere, su alcuni modelli, sostituita o ridotta di dimensioni per adattarsi agli spazi più piccoli, come la zona dei baffetti o il contorno del bikini.

Come si usa

Semplicemente, si fa scorrere lentamente sulla pelle da depilare in senso contrario alla crescita del pelo. 

Su alcuni modelli si possono montare ghiaccioli o altri sistemi che riducono il dolore causato dallo strappo. Alcuni tipi sono impermeabili e possono essere utilizzati sotto la doccia o nella vasca da bagno, risparmiando tempo ed approfittando della morbidezza della pelle durante il lavaggio. 

E’ doloroso?

Decisamente, specie le prime volte che viene utilizzato. Poi, la pelle si abitua allo strappo e diventa un po’ più resistente alla sensazione di sofferenza causata dal passaggio dell’epilatore. 

L’epilatore può essere utilizzato anche su parti sensibili come le ascelle, i baffetti o la zona bikini. Questa azione è però per le più temerarie. 

E’ duraturo?

L’epilazione con questo strumento è più simile alla ceretta che al taglio con rasoio, perché il pelo viene strappato a partire dal bulbo, rallentandone la ricrescita.

Però, considerando che la testina è piccola, molto più piccola di una striscia per ceretta, è più facile saltare qualche punto, specie i più difficili da raggiungere come il retro delle gambe.

Come scegliere il tostapane

Il tostapane, talvolta chiamato anche tostiera, è un piccolo elettrodomestico importante nelle nostre cucine ed immancabile soprattutto per gli amanti dei toast. Anche la scelta della tostiera può rivelarsi abbastanza difficile: basta tenere in considerazione tutte le priorità e le esigenze per poter scegliere al meglio un elettrodomestico che ci accompagnerà per lungo tempo. Il portale VC ci fornisce interessanti spunti grazie ai quali scegliere al meglio il nostro tostapane.

La prima cosa da fare è scegliere la tipologia: nonostante siamo tutti sempre stati abituati ad utilizzare il tostapane verticale classico, sta prendendo molto piede quello invece orizzontale e più sottile, di sicuro adatto non solo per il pane ma anche per tostare altre cose (anche le verdure). Il tostapane professionale è proprio quello orizzontale, che nonostante sia meno utilizzato di sicuro ha più potenzialità e per questo motivo si sta diffondendo. Per chi preferisce le cose classiche, la cosa migliore da fare è scegliere la tostiera verticale.

Un’altra cosa molto importante riguarda le dimensioni del tostapane: quelli verticali hanno una maggiore profondità, mentre quelli orizzontali, essendo “lunghi” possono ospitare un numero più alto di fette. Tutto dipende dalla grandezza del nostro nucleo familiare e dal numero di persone per le quali dobbiamo preparare i toast o dobbiamo tostare.

Da considerare anche la potenza in base ai watt: generalmente si aggirano intorno ai 500 e possono tranquillamente superare i 1800. Alcuni tostapane impiegano di più dato che offrono la possibilità di regolare la temperatura in base allo spessore delle fette di pane che inseriamo. Ovviamente non è possibile avere una temperatura troppo alta quando le fette sono sottili, altrimenti si rischia di bruciare la fetta più del dovuto; avere una regolazione automatica per tutto questo è di sicuro qualcosa di molto comodo e pratico, e non c’è bisogno di ricorrere ad una tostiera professionale per questo motivo.

Per quanto riguarda la facilità con la quale il tostapane può essere pulito, in questo le tostiere orizzontali possono venire facilmente in nostro soccorso, per via del fatto che spesso sono muniti di un aspirabriciole che entra immediatamente in azione appena finito di tostare il pane. Nel caso di quelli verticali, spesso il ‘ripiano‘ dedicato per tostare il pane può essere sfilato per essere lavato a mano o messo in lavastoviglie.

Da verificare, nel caso in cui in casa ci fossero bambini, anche l’autospegnimento di sicurezza (talvolta adatto anche per gli adulti) per evitare di ustionarsi e per prevenire spiacevoli incidenti con il tostapane.

Gli orologi per il cuore

L’orologio battito cardiaco comunemente detto cardiofrequenzimetro è un semplice dispositivo indispensabile per monitorare il corretto svolgimento dell’attività fisica, fornisce una stima del lavoro che compie il cuore rispetto all’impegno muscolare, è dotato di sensori per rilevare in tempo reale la frequenza cardiaca, ovvero il numero dei battiti che il cuore compie in un minuto.

Monitorare la frequenza cardiaca è uno dei parametri più importanti quando si vuole condurre una vita sana e migliorare la propria forma fisica.

E’ un dispositivo ideale per coloro che non sono in grado di ascoltare il proprio corpo, spesso si sottopongono ad uno sforzo eccessivo o tendono ad allenarsi troppo piano.

E’ disponibile sul mercato generalmente in due versioni, un modello è composto da due parti, da una fascia toracica che durante l’attività invia segnali elettromagnetici direttamente ad un orologio o ricevitore che li codifica ed elabora.

Per coloro che amano essere più liberi dalla fascia, che può muoversi durante i movimenti o scivolare per il sudore eccessivo, c’è quello che può esser semplicemente portato al polso come un normale orologio, il battito viene registrato direttamente dalle vene del polso.

Un grande display illuminato offre un’ottima visione, senza il bisogno di interrompere l’allenamento per poter leggere i dati, spesso è dotato di un segnale acustico che segnala il raggiungimento della massima soglia di allenamento, evitando di affaticare dannosamente l’organismo.

Molti modelli sono dotati di un GPS integrato che visualizza in tempo reale le coordinate geografiche definendo esattamente la vostra posizione, registra la velocità, altitudine ed il dislivello massimo raggiunto nel corso dell’allenamento, si può decidere precedentemente dei punti d’arrivo ed impostare la navigazione verso essi.

La funzione Activity Traker oltre a registrare l’attività sportiva 24 ore su 24, da la possibilità di rilevare l’andatura, il numero di passi fatti durate tutta giornata, i Km percorsi, il consumo delle calorie bruciate e non per ultimo le ore di sonno e la loro qualità

Sto per diventare zio

Poco fa mi ha chiamato mia sorella per dirmi che aveva una notizia importante per me. Le ho chiesto di cosa si trattasse e lei mi ha detto di dare un’occhiata alla mail: c’era un messaggio proveniente dal suo account, con oggetto eco. Eco? Mi sono detto, forse mi vuol far vedere un modello di Eko, una chitarra che da tempo chiedo a tutti di regalarmi quando mi chiedono cosa vuoi per Natale/per il tuo compleanno?

Apro la mail e trovo un allegato: una fotografia o comunque un allegato contenente un’immagine. La apro e vedo un’ ecografia, capisco che quello che mi vuol dire non ha niente a che fare né con chitarre, né con altri strumenti.

L’ho richiamata chiedendole cosa fosse, mi ha detto guarda meglio, non vedi nulla? Io con le ecografie ho sempre avuto un po’ di problemi, non capisco mai cosa bisogna guardare e cosa no. Provo a sforzarmi per vedere effettivamente qualcosa, ma non ottengo risultati. Le chiedo di darmi un aiuto e mi dice se ti dico che sto guardando su Google il fasciatoio pieghevole, che ti viene in mente?

O mio Dio, diventerò zio a breve! Dovevo immaginarmelo, avrebbe sempre voluto un bambino mia sorella, anche da giovanissima. Lavora coi bambini quindi è ovvio che le piacciono, altrimenti non li avrebbe come suoi superiori all’asilo dove fa la maestra 🙂

Mi sono commosso, mia sorella è sempre stata la mia ombra, abbiamo sempre avuto un rapporto meraviglioso, di amicizia prima che di parentela. E ora diventerà mamma, la mia piccola come la chiamo sempre io!